Femminicidi in Italia durante il lockdown

Di seguito, alcuni dati che riguardano i femminicidi in Italia durante il periodo del lockdown, a seguito dell’emergenza da covid-19.

I dati, elaborati dal servizio analisi criminale del Ministero dell'interno, sono consultabili nella

RELAZIONE SUI DATI RIGUARDANTI LA VIOLENZA DI GENERE E DOMESTICA NEL PERIODO DI APPLICAZIONE DELLE MISURE DI CONTENIMENTO PER L’EMERGENZA DA COVID-19

 Premessa della relazione

L’emergenza epidemiologica da Covid-19 e le misure di contenimento adottate hanno avuto delle innegabili ripercussioni anche sul piano della violenza basata sul genere, soprattutto in ambito domestico.

La Commissione parlamentare di inchiesta sul femminicidio, nonché su ogni forma di violenza di genere ha approvato lo scorso 26 marzo il Doc. XXII-bis, n. 1, con il quale ha indicato al Governo e al Parlamento una serie di misure da adottare per rispondere alle problematiche delle donne vittime di violenza, dei centri antiviolenza, delle case rifugio e degli sportelli antiviolenza e antitratta nella situazione di emergenza epidemiologica da Covid-19.

Si ritiene necessario effettuare un primo bilancio dell'impatto che l'emergenza epidemiologica ha avuto sul fenomeno della violenza di genere, alla luce anche dei dati statistici disponibili e acquisiti dalla Commissione.

Si intende, in particolare, verificare se, e in che termini, l'isolamento imposto dall'emergenza sanitaria, la condivisione prolungata e obbligata di spazi e le preoccupazioni connesse all'incertezza del domani, tra cui l’instabilità economica, abbiano contribuito ad esasperare le dinamiche.

Una sintesi dei dati che riguardano i femminicidi:

LA VIOLENZA CONTRO LE DONNE è un fenomeno ampio e diffuso, segnato da una vera e propria strage con ben oltre 1.600 uccisioni di donne registrate nel corso del decennio 2008-2018 (il picco più alto di omicidi, ben 179, si è verificato nel 2013).

Fonte: dati Istat.

Con specifico riguardo alla situazione emergenziale la Commissione ha acquisito i dati elaborati dal Servizio analisi criminale del Ministero dell'interno, nel periodo che comprende il Lockdown che si rivelano di significativo interesse e confermano il trend degli ultimi anni: e cioè che , a fronte di una progressiva diminuzione del numero complessivo di omicidi volontari, si registra una significativa diminuzione delle vittime di sesso maschile, ed una meno rilevante diminuzione di quelle di sesso femminile. (Pag.3 della relazione)

Nel dettaglio :

-nel mese di marzo 2019 si erano registrate n. 38 uccisioni di persone , di cui 12 erano donne, nel mese di Marzo 2020 ci sono state n. 11 uccisioni di persone e di esse ben 7 erano donne, quindi i dati in termini percentuali indicano come nel marzo 2019 il numero delle donne uccise abbia rappresentato circa il 30% degli omicidi totali, mentre nel 2020 rappresenta il 60%.

Fonte: dati DCPC servizio analisi criminale

Tuttavia il dato riveste un significativo rilievo , quanto al numero dei “FEMMINICIDI” se si considera un più ampio arco temporale, quello che riguarda il periodo gennaio - maggio 2020, anche rapportato con l’analogo periodo dell’anno precedente.

Infatti, pur restando confermato un calo generale del numero degli omicidi complessivi (uomini e donne) rispetto all'analogo periodo del 2019 , tanto che da n. 140 nel 2019 si scende a n. 92 nel 2020 ( -34,29 %) , tuttavia:

-il numero di vittime di sesso femminile resta sostanzialmente invariato (45 nel 2019, 44 nel 2020) : dunque, mentre nel 2019 le vittime donne costituivano il 32% degli omicidi totali, nel 2020 si attesta al 48%.

-aumenta la percentuale degli omicidi commessi in ambito familiare che sale dal 45% del 2019 al 58% nel 2020 , sebbene, gli omicidi complessivi (computando anche quelli commessi fuori da contesto familiare) sono complessivamente diminuiti da n. 63 nel 2019 a n.53 nel 2020.

 Ma soprattutto aumentano complessivamente le vittime di sesso femminile che passano da 36 a 40, la cui percentuale aumenta dal 57% al 75% delle vittime totali.

-Il dato relativo agli omicidi commessi da partner o ex partner risulta invariato (27) ma, mentre nel 2019 le donne uccise da partner o ex partner erano il 43%, nel 2020 salgono al 51%.

Fonte: dati DCPC servizio analisi criminale

Fonti:

http://www.senato.it/service/PDF/PDFServer/DF/352661.pdf

http://www.senato.it/Leg18/20301

http://www.senato.it/Leg18/4732?seduta=131201

Nessun commento ancora

Lascia un commento