LE MADRI COSTITUENTI

Nell’Assemblea Costituente del 1946, tra le ventuno donne che hanno fatto la Costituzione Italiana della nuova repubblica anche Angela Maria Guidi Cingolani, laureata in lingue e letterature slave.

E’ propagandista e poi dirigente della Gioventù Femminile Cattolica Italiana, fondata da Armida Barelli.

Nel 1919 è tra le prime ad aderire al Partito Popolare, fondato da don Luigi Sturzo, risultandone la prima tesserata donna. E’ tra le pioniere dell’organizzazione sindacale femminile, dà vita alle prime cooperative di donne artigiane e a cooperative contadine d’ispirazione cattolica. Nel 1925 vince il concorso per ispettrice del lavoro presso il Ministero dell’Economia, unica donna partecipe alle selezioni.

S’impegna attivamente nella Resistenza e collabora a tutte le fasi della costituzione della Democrazia Cristiana. Nel 1944 è la sola donna eletta al primo Consiglio Nazionale del partito. E’ una delle prime cattoliche a partecipare al Movimento nazionale pro suffragio femminile.

Cita spesso S. Caterina da Siena, dicendo alle donne:

“ Tirate fuori il capo e uscite a combattere per la libertà. Venite, venite e non andate ad aspettare il tempo, ché il tempo non aspetta noi.”

Suo è il primo intervento di una donna a Montecitorio, nella Consulta nazionale nel 1945. E’ eletta all’ Assemblea Costituente nelle liste della Democrazia Cristiana e nella prima legislatura. La sua attività parlamentare è dedicata in particolar modo ai temi del lavoro.

ART. 37 della Costituzione Italiana

- La parità nel lavoro- : La donna lavoratrice ha gli stessi diritti e, a parità di lavoro, le stesse retribuzioni che spettano al lavoratore. Le condizioni di lavoro devono consentire l’adempimento della sua essenziale funzione familiare e assicurare alla madre e al bambino una speciale adeguata protezione. La legge stabilisce il limite minimo di età per il lavoro salariato. La Repubblica tutela il lavoro dei minori con speciali norme e garantisce ad essi, a parità di lavoro, il diritto alla parità di retribuzione.

Dal 1951 al 1953 Angela Maria Guidi Cingolani è sottosegretaria di Stato all’Industria e Commercio, prima donna della Repubblica italiana a ricoprire un incarico ministeriale. Eletta sindaca di Palestrina, lascia l’impegno politico nazionale per dedicarsi, fino al 1965 all’amministrazione del comune laziale.

Angela Maria Guidi Cingolani: Roma 1896 - 1991

Nessun commento ancora

Lascia un commento