POTERE e VIOLENZA

Ancora e, a proposito del tam tam mediatico sulle violenze, un approfondimento condiviso  di Simona Sforza:

-quando si parla di diseguaglianza di potere a volte si rischia di smarrire ciò di cui stiamo parlando. Il consenso e la scelta vengono deformati, subiscono una sorta di pressione forzata in un contesto disequilibrato: non sono più così chiari e subiscono un condizionamento. Il potere non è solo uno status di superiorità in termini di controllo, di status, gerarchico, di età, di posizione, di genere.

Il potere se lo guardiamo a livello base è la differenza tra una persona che è in uno stato di bisogno, di sopravvivenza, di assenza di alternative percorribili e chi dall'altra possiede la forza "coercitiva" di varia entità, di vario tipo.

Il denaro è una di queste leve.

Avevamo bisogno del tam tam mediatico sulle molestie, a livello mondiale, per smascherare questa realtà, indicibile e inammissibile anche per tante di noi?

Esattamente come i clienti si sentono in diritto di abusare di una donna, come ogni volta che si tenta un'azione di normalizzazione della violenza sulle donne prostituite, esattamente come ogni qualvolta ogni forma di potere viene esercitata per piegare una donna, per avere accesso al suo corpo, per controllarla e sottometterla.
I modi sono molteplici, ma a monte la mentalità, la subcultura dello stupro e della violenza è la medesima, restano cristallizzati, i rapporti stereotipati, i cliché sui ruoli, con i medesimi risultati devastanti per le donne.

Esattamente questa verità abbiamo smascherato: che non può esserci libera scelta, piena scelta

·         se non si hanno alternative di vita
·         se ci sono diseguaglianze di potere
·         se l'unica strada a disposizione è vincolata da una situazione di svantaggio
·         di bisogno
·         di ricatto
·         di un potere che tutto può

Certo ci si può sottrarre, e molte di noi lo hanno fatto e lo stanno facendo. Ma nulla è automatico e scontato, nulla è così semplice come appare, dobbiamo pensare che non tutte potranno o avranno la forza di farlo. Sappiamo quanto sia complicato denunciare, affrontare tutto ciò che ne consegue. Troppe sono le variabili e forse occorrerebbe concentrarsi su quel "a monte", su prassi e consuetudini diffusissimi, piuttosto che puntare il dito sulle sopravvissute.-

Nessun commento ancora

Lascia un commento