Prima DONNA a capo di una grande banca Usa

Rivoluzione Rosa a Wall Street con la nomina di Jane Fraser alla guida di una grande banca americana.

L'ascesa della manager, 53 anni sposata con due figli ed ex McKinsey, rompe uno dei soffitti di cristallo più duraturi di Corporate America, quello di Wall Street.

Una donna in un mondo di uomini

Jane Fraser rappresenta un’assoluta novità in un mondo, quello bancario, prevalentemente maschile. Sono solo 31 le donne che ricoprono il ruolo di amministratrici delegate delle 500 società che compongono l’indice azionario Standard & Poor 500, che raggruppa le principali compagnie dell’economia Usa.

Jane Fraser nasce a Saint Adrews, in Scozia il 13 luglio 1967. Sposata con due figli, il marito della Fraser, cubano di origine, ha lasciato il suo lavoro come direttore di banca in Europa durante la crisi finanziaria del 2008 per dedicare più tempo alla famiglia.

Veterana di Citigroup, nella quale è approdata nel 2004, Jane Fraser prende il posto di Michael Corbat, al timone della banca da otto anni. L'annuncio è arrivato a sorpresa: nessuno si attendeva che Corbat potesse lasciare così a stretto a giro. Tutto sembrava indicare che sarebbe rimasto per almeno altri due anni. Invece, Corbat lascia, consegnando una Citigroup trasformata a Fraser.

Essere madre di bambini piccoli e avere una carriera è la cosa più difficile che abbia mai dovuto fare. Sei esausta, colpevole e devi imparare a fare le cose in modo diverso. Sono diventata brava a dire di no, e sono diventata anche più umana nei confronti dei clienti che affrontano anche molti di questi problemi.

Jane Fraser

Qui la fonte

Nessun commento ancora

Lascia un commento