RAFFAELLA , VITTIMA “FORTE”

Il caso di Raffaella Presta: avvocata penalista, uccisa a fucilate dal marito il 25 novembre scorso

Riportiamo fedelmente la colonna d’autore di Marina Terragni pubblicata su IoDonna del 9 gennaio sul caso di Raffaella Presta.

“Mentre la polizia lo sta portando in caserma ammanettato, il marito assassino incrocia lo sguardo della sorella e ammette -Ho fatto una stronzata-. La stronzata l’ha fatta a sua moglie Raffaella Presta, avvocata penalista quarantenne, madre di suo figlio: due colpi letali di fucile all’inguine e alla schiena, proprio il 25 novembre, Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne. Pochi giorni prima la donna aveva inviato via WhatsApp al fratello e a un’amica il selfie del suo viso tumefatto dalle botte, con un messaggino ironico- Incidente domestico, diciamo-. I maltrattamenti duravano da tempo. L’autopsia ha rivelato la rottura di un timpano.

Da qualche mese Raffaella si era dimessa dallo studio legale in cui lavorava: costretta dal marito-bambino, forse anche per non doversi presentare piena di lividi.

Non  puoi non chiederti come mai questa storia si sia potuta trascinare fino all’exitus.

Raffaella era penalista, quindi più che consapevole.

Suo padre è maresciallo dei Carabinieri.

Se una donna maltrattata si fosse rivolta a lei, probabilmente l’avrebbe accompagnata fuori dal guado. Perché non ha saputo farlo per sé stessa? Che cosa le ha impedito di decifrare la più classica excalation della violenza maschile? Spesso le denunce non bastano: ma perché non ci ha nemmeno provato? Da dove è nata la sopravvalutazione della propria forza, l’idea di poter tenere a bada il marito inferocito dal terrore dell’abbandono, al punto di arrivare a scherzarci su? La storia di Raffaella racconta esemplarmente le cosiddette “vittime forti”.

Chi si riconosce in questa vicenda non perda tempo”.

Marina Terragni Maschile/Femminile

Nessun commento ancora

Lascia un commento