Le Stelle Dimenticate

Dalla fine del XIX secolo, l’Osservatorio astronomico di Harvard iniziò ad assumere alcune donne come “calcolatori umani”. A quel tempo, le donne non avevano ancora diritto di voto, ma furono le prime a misurare il cielo.

L’ HAREM – così veniva talvolta deriso il personale femminile – era formato da signore di tutte le età: esperte di matematica, astronome dilettanti, mogli, sorelle e figlie dei professori; alcune laureate, altre semplicemente appassionate. Attraverso l’ universo di vetro che avevano a disposizione, formato da circa mezzo milione di lastre fotografiche su cui erano impresse le immagini delle stelle, queste studiose fecero alcune scoperte straordinarie: svilupparono un sistema di classificazione che fu accettato a livello internazionale ed è ancora in uso; intuirono la verità sulla composizione chimica dei cieli, e definirono una scala per misurare le distanze nello spazio. Alla loro storia Dava Sobel dedica il suo libro più appassionato, arricchito dai testi inediti di diari e lettere: “Quando hanno letto i nomi dei membri” scrive Annie Jump Cannon, una delle protagoniste, “mi sono assai meravigliata di scoprire che ero stata inserita nella Commissione per la classificazione degli spettri stellari, e una delle esperienze inattese è stata la riunione con i suoi membri. Sedevano a un lungo tavolo, quegli uomini provenienti da varie nazioni, e io ero l’unica donna”.

Era stata lei a studiare per anni gli spettri stellari, e fu lei a parlare per tutto il tempo.

                                                                            le-stelle-dimenticate-131088

Nessun commento ancora

Lascia un commento