ONORE ALLE DONNE?

Simona Sforza ha scritto una bella lista di punti aperti all’inizio del nuovo anno come appunti di viaggio che riguardano le donne e che invitiamo a leggere integralmente. Sono 7 punti da “tenere sotto controllo” nell’anno che si apre davanti a noi, che riguarda tutte noi e l’intera comunità nella quale viviamo.

Ecco i temi principali:

  •          Più politiche strutturali e più diffuse (welfare)
  •         Ministero delle Pari Opportunità in CARNE e OSSA
  •         Legge di stabilità sulla pelle delle donne-quali tagli?
  •         Piano Nazionale Antitratta
  •         Linee Guida per un Percorso di Tutela delle vittime di violenza
  •          I temi delle donne non devono essere strumentalizzati
  •          Creazione di una Rete di Servizi Integrati territoriali studiata per le donne per fare prevenzione, formazione, informazione, supporto con un approccio di genere su discriminazioni, violenza, contraccezione e vita sessuale

In tantissime siamo arcistufe dei proclami, delle promesse e delle occasioni mancate.

Simona Sforza per dare stimolo e spunti di riflessione sui temi delle donne riparte dalle parole del Presidente della Repubblica

"Senza le donne l'Italia sarebbe più povera e più ingiusta"

Così si esprimeva il Presidente della Repubblica alla vigilia dell'8 marzo 2015. Alla fine dell'anno  rende  omaggio a tutte le donne, a quelle che con il loro esempio positivo possono ispirare tutti gli italiani, e cita Solesin, Cristoforetti e Gianotti e la campionessa paralimpica Nicole Orlando.

"Nominando loro rivolgo un pensiero di riconoscenza a tutte le donne italiane. Fanno fronte a impegni molteplici e tanti compiti, e devono fare ancora i conti con pregiudizi e arretratezze. Con una parità di diritti enunciata ma non sempre assicurata; a volte persino con soprusi o con violenze"

Tanto onore e tante parole, ma pochi fatti concreti. Soprattutto, ancora una volta rischiamo di essere usate e di finire nel tritacarne di cerimonie e carriere di vario tipo.

https://simonasforza.wordpress.com/

Nessun commento ancora

Lascia un commento