PRENDERE CONSAPEVOLEZZA

Ancora sulla violenza maschile sulle donne.

E’ importante prendere consapevolezza e allargarla a 360° come una sfera.

La violenza maschile sulle donne è declinata in tante variabili, alcune sottili e invisibili, abilmente celate o minimizzate, anche da noi stesse donne, (soprattutto tra quelle più vecchie di noi) educate e cresciute nella medesima broda culturale, che ci fa attendere tanto, troppo, prima di capire cosa sta realmente accadendo e ribellarci; che ci inculca sensi di colpa e mille strategie di negazione.

 Se siamo particolarmente “brave” (è ironico!) facciamo passare anni, anni e, ancora anni, prima di uscire da spirali di violenza.

  • Sessismo
  • Violenza sessuale
  • Economica
  • Stalking
  • Pressioni dentro e fuori casa

Non siamo esagerate, non siamo paranoiche, non ingigantiamo ciò che sperimentiamo sulla nostra pelle, non siamo isteriche, non siamo misandriche, non odiamo gli uomini, non giochiamo a fare le vittime. Trovare un varco per riuscire a parlarne è importante e, ancor più importante diventa la costruzione di reti territoriali, volte alla prevenzione e al contrasto della violenza di genere.

Di seguito la locandina del progetto SFERA

-Sviluppo della Formazione per Reti Antiviolenza-

Nato dall’accordo tra Università degli Studi di Milano-Bicocca (Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale) e PoliS-Lombardia, grazie ad un finanziamento della Regione Lombardia, Direzione Generale Famiglia e Pari opportunità.

Si tratta di un percorso di formazione gratuita, fino a esaurimento posti, costruito per moduli, laboratori ed eventi, articolato seguendo

le 4P nella Convenzione di Istanbul:

  • Prevenire la violenza
  • Proteggere e sostenere le vittime
  • Perseguire i colpevoli di violenza sessuale e domestica
  • Promuovere politiche integrate

I percorsi sono rivolti agli ordini degli assistenti sociali, psicologi, giornalisti, al personale dei centri antiviolenza, al terzo settore e a chi opera nel mondo dello sport, all’associazionismo, con un interessante modulo rivolto a chi lavora nei consultori pubblici e privati.

Nessun commento ancora

Lascia un commento