SOSTEGNO alle orfane e agli orfani di crimini domestici e di reati di genere

Dal giorno 1 luglio 2020, le orfane e gli orfani di donne vittime di femminicidio potranno accedere a un fondo specifico.

E’ stato, infatti, pubblicato in Gazzetta ufficiale il decreto interministeriale per la gestione e la ripartizione del fondo per le vittime di femminicidio. Nello specifico, i figli minorenni e maggiorenni delle donne uccise da compagni, mariti, conviventi, ex, padri e fratelli potranno usufruire delle borse di studio, del sostegno per l’orientamento e la formazione per l’occupazione, degli incentivi per le assunzioni, delle spese mediche previste dalla legge che tutela bambine, bambini, ragazze e ragazzi orfani spesso di entrambi genitori e vittime due volte, perché hanno in gran parte assistito alla violenza e all’uccisione della madre e si trovano in molti casi privi di entrambi i genitori.

Anche le famiglie affidatarie verranno sostenute economicamente, come disposto dalla normativa.

«Si tratta di un provvedimento importante, che ha subìto un ritardo dovuto all’emergenza Covid e che rende disponibili 14,5 milioni di euro per il 2020 e 12 milioni all’anno dal 2021 al 2024. Siamo molto soddisfatti di questo lavoro»,

commenta la senatrice Valeria Valente, presidente della Commissione di inchiesta sul femminicidio e la violenza di genere.

Nessun commento ancora

Lascia un commento