Troppo importante per farlo fare solo agli uomini

Nell’articolo di Chiara Russo e Mara Marzocchi si parte da una domanda, che fa molto sorridere, rivolta da una bambina di 11 anni, figlia di una programmatrice, a Limor Fried, donna hacker e ingegnera che lavora al Massachusetts Institute of Technology

-Programmare può essere anche una cosa da maschi???-

La domanda ha fatto sorridere dall’altra parte dell’oceano…figuriamoci da noi!

Perché qui, in Italia, il coding, ossia la programmazione informatica, è, ancora, cosa da uomini. Lo dicono le statistiche, lo dicono i numeri – meno del 20% delle posizioni in ambito Information Technology sono ricoperte da donne, ma allo stesso modo lo dice una sensibilità generale che attribuisce ai maschi e alle femmine differenti capacità di approcciarsi alle materie scientifiche. Eppure, il vero motivo per il quale le donne non si avvicinano al mondo della tecnologia non risiede nelle inclinazioni personali o di genere, ma in una questione culturale profondamente radicata. La storia ci presenta modelli femminili importanti: da Ada Augusta Lovelace, matematica inglese dell’800 considerata la prima programmatrice della storia, ai laboratori informatici costituiti da team prevalentemente femminili, come le Harvard Computers.

Negli ultimi 30 anni, invece, si è visto un decremento netto della partecipazione delle donne in ambito tech, dal 36% del 1990 allo scarso 25% di oggi: dati tutt’altro che incoraggianti. Eppure quello del programmatore è un lavoro creativo, stimolante e ricco di soddisfazioni e, a fronte di una richiesta sempre crescente di questo tipo di professionalità – si stima che nel 2020 ci saranno, nella sola Italia, circa 176.000 posti di lavoro scoperti nell’ambito Information Technology – ci si rende conto che è un’occasione che le donne non possono sprecare.

-La tecnologia è troppo importante per lasciarla ai soli uomini-

ha detto più volte Neelie Kroes, vice presidente della Commissione e a capo dell’Agenda Digitale Europea.

L’invito e il messaggio importante, rivolto alle ragazze di ogni età è: non abbiate paura, osate, rompete le regole, siate libere, anche di sbagliare, per poi ricominciare.

 

ESSERE PROTAGONISTE DEL NOSTRO FUTURO E’ UNA SCELTA CHE DIPENDE SOLO DA NOI

 

 

Nessun commento ancora

Lascia un commento