Donne per l’Europa

Grazie al progetto avviato dall’associazione Toponomastica femminile, durante il lockdown 2020, conosciamo 60 donne dell’Unione Europea.

Da calendaria 2021, per il mese di luglio, sono state scelte musiciste, compositrici, concertiste, cantanti e  voci internazionali dei vari paesi europei.

Rendere evidente il contributo femminile riduce stereotipi e comportamenti sociali discriminatori, combatte la segregazione di genere nell’istruzione, nella formazione e nel mercato del lavoro; sviluppa il rispetto verso le donne; favorisce l’ampliamento di prospettive per le giovani, la ricerca di competenze e occupazioni altamente qualificate, la determinazione nel voler raggiungere posizioni dirigenziali, il coraggio di affrontare esperienze imprenditoriali.

 

 

Amalia Rodrigues

 

E’stata definita  la voce internazionale della musica portoghese, la maggior interprete del fado.

A Alma do Fado, definita la Voce del Portogallo, è conosciuta in tutto il mondo come una delle maggiori interpreti e compositrici di questo genere musicale. Una musica che oggi potremmo definire “culturalmente ibrida”, incontro tra origini brasiliane e lisbonesi, ma ritmicamente afroamericana, unita alle tradizioni portoghesi. Probabilmente è la forma cantata della nostalgia degli emigrati europei in Brasile, a fine Ottocento, utile per accompagnare riunioni e feste.

Quella di Amália fu una profonda e autentica anima lusitana, tanto che durante i suoi funerali la sua voce fu trasmessa con altoparlanti lungo le strade di Lisbona, dove nacque nel 1920 e morì a 79 anni. Il timbro della sua voce era lo specchio della malinconia, del male metafisico incarnato dalla tradizione del fado.

Amália nasce in una famiglia immigrata dalla provincia, molto numerosa e con grandi difficoltà economiche, tanto che, come spesso accadeva, i genitori la affideranno alla nonna, Ana do Rosario Bento.

Sicuramente non vive un’infanzia gioiosa e lo spirito malinconico viene esaltato da questa condizione originaria. Il suo talento canoro viene subito notato, fin da piccola; racconta che si divertiva ad esibire la sua voce di fronte ad amicizie e parentele, dalle quali riceveva caramelle e paghette, e in piccoli eventi locali. Conosceva e cantava soprattutto testi popolari e cinematografici, come i tanghi di Gardel. Frequenta la scuola fino alla terza elementare perchè anche i suoi nonni hanno purtroppo bisogno del suo aiuto per vivere: il suo primo impiego sarà, non a caso, in una fabbrica di caramelle, dove si occupa di sbucciare la frutta e incartare i prodotti finiti.  A quindici anni vende frutta, vini e souvenir per turisti nel mercato del molo di Lisbona.

La svolta decisiva che lancerà Amália Rodrigues in un’escalation di successi durata oltre mezzo secolo avviene a 15 anni quando partecipa alla Marcha de Alcântara, dove canta accompagnata per la prima volta dalla chitarra, incidendo nel pubblico la potente sensualità della sua voce indimenticabile: nelle esibizioni indosserà sempre abiti neri, uno scialle, una spilla luccicante. Nel 1938 partecipa ad un famoso concorso di Fado e sarà l’occasione per farsi conoscere ed apprezzare, tanto da entrare in una delle maggiori case discografiche di fado di quel periodo: “O retiro da Sevra”. Così inizia la carriera di cantante e si esibisce con i maggiori musicisti portoghesi, tra cui Armando Augusto Freire, Jaime Santos, José Marque.

Inizialmente la sua vita sentimentale non fu semplice: si innamora molto giovane di un musicista dilettante, del quale resta incinta, e quando lui nega il matrimonio riparatore, lei tenta il suicidio. Per fortuna si salva, il matrimonio viene celebrato, ma dura pochi anni e il figlio non nacque mai. Molto tempo dopo Amália si innamora di un industriale brasiliano, César Séabra, che sposerà dopo quindici anni di convivenza e al quale resterà per sempre legata.

La famiglia di origine non approverà mai la sua vita dedicata alla musica, solo il fratello e la zia le resteranno accanto. Nel 1945 si esibisce con un grande concerto a Rio de Janeiro, nel Casinò di Copacabana. Diventerà ancor più popolare e famosa con il film Les amants du Tage, tanto da essere invitata al teatro Olympia di Parigi e iniziare così una carriera internazionale che la porta in tournée in Spagna, in Brasile, negli Stati Uniti e in Italia.

Per continuare a leggere la biografia di Amalia Rodrigues qui

Fonte immagine e testohttps://vitaminevaganti.com/2021/07/03/amalia-rodrigues-la-regina-del-fado/

Nessun commento ancora

Lascia un commento